Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Venerdì, 28 Febbraio 2020

Avanti cosi’… una volta di piu’, la prua verso il comunismo

70.000 lavoratori delle aziende dell’indotto legate alla crisi dell’industria (Ilva, Whirpool, Industria Italiana, Blutec, Aferpi, Alcoa…). Migliaia di operai che rischiano il posto, senza contare i lavoratori dell’indotto e quelli che, in quelle fabbriche, fanno manutenzione, pulizie, servono nelle mense, trasportano prodotti, materie prime, ecc., ecc.

Vediamo ora un po' di cifre, quelle che con il contagocce ci comunica la stampa borghese:

  1. 000 lavoratori nell’indotto dell’Ilva di Taranto.
  2. 500 lavoratori nell’indotto di Whirpool
  3. 1500 lavoratori che gravitano attorno all’Industria Italiana Autobus, (70 aziende, di cui 20 già chiuse)
  4. 50 operai rimasti all’acciaieria di Piombino dell’ex Lucchini.
  5. 300 operai a Trieste, dell’alto forno della Ferriera.

Senza contare che, se la crisi dell’automobile si dovesse aggravare, le cifre sarebbero dirompenti: 450 aziende dell’indotto di FCA per un totale di 58mila lavoratori.

La situazione non è allegra per il sindacato “collaborazionista” e per lo stesso Capitale. Tutti e due si trovano con 160 tavoli di crisi (adesso, la fabbrica che chiude ha cambiato connotati: è un tavolo di crisi!).

Comunque, si può far giri di parole, ma la realtà parla di oltre 200.000 operai.  

(Vedere La Repubblica del 27/10/ 2019).

Per capire ancora meglio la situazione occupazionale nell’industria, ricordiamo che negli ultimi 10 anni la percentuale degli addetti è passata dal 29,8% all’attuale 22,6%: gli operai in Italia sono 3 milioni e 950.000 e nelle costruzioni 1 milione300.000 (La Repubblica del 14/11/ 2019). Sono numeri importanti e tornano, in questa fase di precarietà del lavoro e di crisi economica sempre più dura giorno dopo giorno, a essere al centro dell’attenzione per una ripresa della lotta sindacale e politica, alla faccia di chi predica la scomparsa della classe operaia.

È chiaro che, con la mancanza del salario come garanzia del proprio mantenimento, il proletario (specie se con famiglia) ha seri problemi a sopravvivere, in una società fondata sul valore di scambio; e quindi, logica vuole che anche la stessa società, nel suo insieme, venga coinvolta: così la povertà è in aumento.

A tal proposito, apprendiamo dal “quotidianosanità.it” del 21/10/ 2019 che “In Italia oltre 1,2 milioni di bambini vivono in condizioni di povertà assoluta, un dato che nel corso degli ultimi 10 anni è triplicato, passando dal 3,7% del 2008 al 12,5% del 2018 […] La povertà si manifesta nella mancanza di beni essenziali, lo stretto indispensabile per una vita dignitosa: un’alimentazione e un’abitazione adeguata […] Sono circa 500mila i bambini e ragazzi sotto ai 15 anni (il 6% della popolazione di riferimento) che crescono in famiglie dove non si consumano regolarmente pasti proteici e 280mila sono costretti ad una alimentazione povera sia di proteine che di verdure […]”.

A questo quadro, aggiungiamo poi i 18,6 milioni ad esclusione sociale: 9,6 in povertà relativa e 5 in povertà assoluta (L’Espresso del 13/10/ 2019).

Ci sono problemi? Ma no… anzi, tutto va bene, tutto gira alla meraviglia: siamo usciti dalla lotta di classe! storia sepolta nell’800 e ‘900! in questo momento storico, ci proiettiamo verso un futuro del tutto nuovo, con nuove prospettive di vita sociale! E, come dice La Repubblica del 10/10/2019: “Gli italiani si sono abituati all’incertezza del lavoro”. Secondo un sondaggio dell’Osservatorio sul Capitale Sociale di Demos-Coop, le preoccupazioni economiche, rispetto agli anni precedenti, sono calate. Ma riprendiamo alcuni passaggi dell’articolo: “[…] Insomma, la visione dell’economia e del lavoro, nella società italiana, è sicuramente ‘grigia’ […] Tuttavia l’atteggiamento che prevale è la rassegnazione […] Anche la percezione della disuguaglianza, per quanto estesa, appare ridimensionata. Mitigata, come si è detto, dall’abitudine a sopportare l’insicurezza.  Siamo divenuti, così, dei perfezionisti dell’incertezza. Così l’abbiamo normalizzata. Anche perché il sentimento sociale, per tradizione, poggia su basi solide e stabili. Anzitutto, sulla famiglia […]”.

Che altro dire? Solo una cosa: le pance vuote mandano strani rumori. Non saranno per caso brontolii… di classe?

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Incontri pubblici in evidenza

  • Berlino  : «Umweltkrise und kapitalistische Krise - Grüner Kapitalismus ist keine Lösung! », 13.02.2020, 19h, c / o K9, Kinzigstraße 9, Berlino-Friedrichshain
  • Milano  : «Continuità della repressione delle lotte economiche e sociali, da un governo all'altro», 22.02.2020, 16h, c / o Libreria Calusca, via Conchetta 18, Milano  (MM 2 Romolo, Bus 91)
  • Bologna -  Nuovo punto di incontro per lettori e simpatizzanti - Via Marzabotto, 2 - c / o Ass. 20 Pietre (26 gennaio - 16 febbraio - 15 marzo) dalle ore 15 alle ore 19
  • Torino -  Prossimo incontro a Torino 29-02-2020, dalle 15,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34

International Press

 

                    

            N°1 - 2020                              N°06-2020                              N°3 - 2019

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'