Venerdì, 30 Luglio 2021

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Agiscono indisturbati i killer anti-proletari assoldati dai padroni. Il vero volto della democrazia

  • Categoria: Articoli Online
  • Pubblicato: Sabato, 12 Giugno 2021 00:14

Nella notte fra giovedì 10 e venerdì 11, davanti ai cancelli della ditta di logistica Zampieri di Tavazzano (Lodi), un presidio di lavoratori della FedEx-Tnt, in lotta da tempo dopo la chiusura dello hub di Piacenza, è stato aggredito da una cinquantina di killer assoldati dal padronato e armati di mazze, bastoni, spranghe e pezzi di pancali – il tutto sotto l'occhio complice delle “forze del disordine”. Tra i lavoratori feriti, uno è stato trasportato in codice rosso all'ospedale, dove è rimasto alcune ore privo di coscienza.

L'aperta violenza anti-proletaria, il ricorso ripetuto a squadracce di picchiatori, la connivenza di polizia e Stato, sempre pronti a spaccare o a lasciar spaccare la testa ai lavoratori in lotta... tutto ciò dimostra a chiare lettere che cos'è la tanto decantata democrazia, erede dei mai dimenticati metodi repressivi del ventennio fascista.

E' necessario rispondere colpo su colpo alle aggressioni dei picchiatori legali e illegali, alla repressione delle lotte proletarie che si fa più spietata man mano che “il Paese riparte” (la sequenza impressionante di quotidiani “omicidi sul lavoro” la dice lunga). Ma per fare ciò è necessario irrobustire ed estendere l'organizzazione di base, farla uscire dai recinti chiusi e soffocanti delle categorie, del corporativismo e del localismo, lavorare alla nascita di un vero fronte proletario di lotta, senza disperdere e bruciare le energie generose dei lavoratori in fumosi progetti politici. Soprattutto, è necessario impegnarsi, rigettando ogni forma di attivismo e di attendismo, al lavoro di rafforzamento e radicamento del partito rivoluzionario, l'unico strumento in grado di collegare e dirigere le lotte e indirizzarle contro un modo di produzione che giorno dopo giorno si dimostra sempre più feroce e assassino.

11/6/2021

Punti di contatto:

Milano, via dei Cinquecento n. 25 (citofono Istituto Programma), (lunedì dalle 18) (zona Piazzale Corvetto: Metro 3, Bus 77 e 95)
Messina, Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
Roma, via dei Campani, 73 - c/o “Anomalia” (primo martedì del mese, dalle 17,30)
Benevento, c/o Centro sociale LapAsilo 31, via Firenze 1 (primo venerdì del mese, dalle ore 19)
Berlino, ogni ultimo giovedì del mese dalle ore 19, presso il Cafè Comunista, RAUM, Rungestrasse 20, 10179 Berlino.
Bologna, al momento è sospesa l’apertura al pubblico
Torino, nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 26 giugno 2021, dalle 15.30)

Articoli su COVID-19

L’uso sociale dell’epidemia ( Il programma comunista, n°2/3, 2020)
Quali emergenze? ( Il programma comunista, n°2/3, 2020)
E dopo l'emergenza? ( Il programma comunista, n°2/3, 2020)
Il virus della crisi ( Il programma comunista, n°2/3, 2020)
Coronavirus: una miniera d'oro ( Il programma comunista, n°2/3, 2020)
Manifestazioni virali della crisi ( Il programma comunista, n°2/3, 2020)Virus e lotta di classe ( Il programma comunista, n°4, 2020)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'